Commedia a Ballaro’

DA YOUTUBE E DAL BLOG DI ANTONIO DI PIETRO SI RIPORTANO:

DAL BLOG DI ANTONIO DI PIETRO SI RIPORTA:

Riporto la mia intervista di oggi a “il Caffè”, di Corradino Mineo, a RaiNews24. Un’intervista che non lascia spazio ad alcun dubbio. I cittadini valutino da soli la credibilità del sottoscritto e di Silvio Berlusconi.

Segnalo anche un articolo con una sequenza di citazioni, fatti e agenzie raccolte da Marco Travaglio e citate all’interno della sua rubrica “Carta Canta” di Repubblica. Il cittadino, leggendolo, arriverà alle medesime conclusioni.

Testo dell’intervento:

Corradino Mineo: Allora, Di Pietro, lei andrà dai magistrati per denunciare Berlusconi di essere stato un corruttore, di aver provato a corrompere Villari, Orlando e lei stesso?
Antonio Di Pietro: Innanzitutto non conosce neanche il diritto. Semmai deve andare dal magistrato per denunciarmi per diffamazioni, mentre per calunnia deve rispondere lui se dovesse andare dal magistrato a fare una denuncia del genere, perché io ho detto semplicemente il vero e lui, senza accorgersene, ha pure confessato.
Primo, fino a quindici giorni fa ha sempre detto che non mi aveva mai offerto il posto da ministro, e ora lo ha ammesso. Dice che lo ha fatto in quel momento perché non sapeva chi ero io. Quel momento era maggio 1994: mi ha richiamato o no nel febbraio 1995, signor Berlusconi? Allora dopo andavo bene? Quando mi ero già dimesso dalla magistratura e stavo per entrare in politica? Evidentemente dice il falso.
Poi, è vero o non è vero che in contemporanea al passaggio di De Gregorio dal centrosinistra al centrodestra, diventando con i suoi voti, di Forza Italia, Presidente della commissione Difesa? E’ vero. Ed è vero o non è vero che ha fatto, legittimamente perché lo ha pure denunciato, c’è la prova documentale, un finanziamento di sei-sette cento mila euro ad Italiani nel Mondo di De Gregorio?

Corradino Mineo: Però c’è una sentenza che dice che lui non ha tentato di far cambiare casacca a senatori durante la scorsa legislazione.
Antonio Di Pietro: Non ci sta alcuna sentenza, è un atto politicamente scorretto, vigliacco, inopportuno e politicamente squallido. Dopo di che, sono gli elettori i giudici di un comportamento del genere. Ma lo vogliamo far sapere agli elettori o no? Lui dice che non è vero, e io faccio il mio ruolo di oppositore: ribadisco che egli è un corruttore politico, ho indicato il caso che mi riguarda, ho indicato il caso De Gregorio, ho indicato il caso di Orlando perché, e lo ha ammesso lui stesso, ha ammesso che non glielo ha detto lui, ma un parlamentare di Forza Italia che faceva “trait d’union”. Poi Orlando ha detto “Ma sei matto, non ci vengo”. Non c’è riuscito e gli è andata male. Con Villari evidentemente c’è riuscito, non so a quale prezzo politico, ma è stato eletto con i voti della maggioranza.
E’ vero o non è vero che il governo Prodi è caduto quando Mastella si è ritirato, ed è vero o non è vero che con Mastella aveva concordato 10 parlamentari e poi ha ritirato la mano? Se non è corruzione politica, che cos’è? Lo ribadisco in questa sede nella mia funzione di parlamentare dell’opposizione. Se non gli va bene vada lui dai magistrati, altrimenti si tenga quello che gli ho detto: “corruttore, sporco corruttore politico”.



Categorie:Politica

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: