Novità Apple.-

DRIVE ALLO STATO SOLIDO 20-GENNAIO 2008

Di  Paolo Di Leo

Dal sito ITALIAMAC.it si riporta:

 ssdapple

Un’altra novità che la Apple ha introdotto nel Keynote 2008, forse non tanto “novità in se”, comunque, un altro passo verso la compattezza ed integrazione di componenti sempre più piccoli, sono gli hard disk allo stato solido, ovvero gli SSD (Solid State Drive).

 

Non sono nuove le tecnologie di archiviazione allo stato solido, vedi le “flash drive USB”, ma l’introduzione di questa nuova implementazione “flash” per l’archiviazione a lungo termine, non può portare che benefici  e, naturalmente, qualche “prezzo” da pagare.

 

Per capire la scelta della Apple nell’introdurre questa unità allo stato solido, dobbiamo esaminare i vantaggi che questa tecnologia può portare:

 

Avvio istantaneo (o quasi), vista la mancanza di organi meccanici; l’unità non deve eseguire lo “spin-up”, ovvero, il tempo per portare a regime i piattelli (tipicamente a 5400/7200 giri/min) per iniziare a leggere o scrivere.

 

L’accesso ai dati per la lettura/scrittura è velocissimo. In assenza della testina di lettura/scrittura, viene eliminato il tempo che deve percorrere per raggiungere il settore di “atterraggio”. Avvio di sistema e delle applicazioni più veloci. Mediamente, queste unità sono due volte più veloci delle controparti meccaniche, abbinato ad un minor consumo energetico, sono perfetti per i nostri portatili. Altra caratteristica importante, è la loro robustezza in caso di urti, vibrazioni e resistenti alle alte temperature, infine,  non c’è limite alla massima altitudine raggiungibile, vista che la pressione non può alterare l’allineamento dei piattelli/testina, perché non ci sono.

 

Nessuno meccanismo, nessun motore, quindi nessuno dei rischi che un “normale” disco rigido è soggetto. La durata media di un disco rigido, MTBF (Mean Time Between Failure) è di circa 300.000 ore, contro circa 2 milioni delle unità SSD, senza dimenticare il silenzio assoluto durante il funzionamento.

 

Ecco arrivati agli svantaggi:

 

Il prezzo innanzitutto, verso la fine del 2007, il prezzo per gigabyte era di $15, contro $1 dei dischi rigidi tradizionali, un rapporto di 1 a 15, un dato non indifferente che andrà ad incidere sul prezzo finale del prodotto. Prezzo che nel tempo sicuramente scenderà, ma per ora …

 

La capacità massima è ancora lontana anni luce da quelli “meccanici”, anche se stanno facendo passi da giganti. Si parla di unità da 128Gb già in cantiere pronti per sostituire quelli da 64.

 

Sono vulnerabili alle cariche elettrostatiche e campi magnetici, che possono rendere illeggibili in dati. I dischi meccanici invece sono protetti da una gabbia di Faraday. Penso comunque che, se la destinazione d’uso di un MacBook Air non è una centrale elettrica o qualche laboratorio scientifico per la simulazione di fulmini, questo “svantaggio” non è così pericoloso.

 

Un tecnologia che deve ancora maturare, ma i primi segni sono ottimi, le SSD permettono alla Apple di “inventare” sempre qualcosa di nuovo e, di stupirci come ha fatto con il MacBook Air. E chi sa, se la storia si ripete; il cd che ha sostituito il vinile e, l’mp3 “su solido” ha sostituito il cd, chissà se l’SSD sostituirà il disco rigido meccanico. Non credo, almeno per un bel pò, ma, sicuramente troverà sempre più “spazio” all’interno di apparecchiature audio e video di prossima generazione.

Nel frattempo, restiamo a guardare queste belle novità tecnologiche che ogni giorno entrano in casa ed a fantasticare per esempio su un iPod SSD …  

 

 

DISPONIBILE IL NUOVO APPLE LED

CINEMA DISPLAY DA 24 POLLICI DI Gabriele d’Aquila 19-11-2008

Dal sito ITALIAMAC.it si riporta:

monitorapple

 

L’azienda di Cupertino ha reso disponibile da un paio di ore il nuovo LED Cinema Display da 24 pollici con risoluzione 1920×1200 WUXGA (Widescreen Ultra eXtended Graphics Array). Come avevamo preannunciato in qualche nostro articolo, dopo l’uscita di scena del modello da 23 pollici, era presumibile che Apple ha breve avrebbe presentato un nuovo schermo dotato di Mini DisplayPort per il collegamento ai nuovi MacBook.

Il nuovo Cinema Display da 24 pollici, è dotato di webcam iSight e altoparlanti integrati. E’ disponibile a 849 Euro, mentre chi può beneficiare dello sconto Educational lo può prendere a soli 781 Euro. Ricordiamo che il display non è disponibile subito, ma occorre aspettare 7-10 giorni per essere disponibile per la spedizione.

 

 NOSTRO COMMENTO: Certo che è un Dio di Monitor! Riflettete gente sugli SSD!



Categorie:Tecnologia

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: