Pretofilia: una vera piaga per la Chiesa

DAL CORRIERE FIORENTINO.IT, SI RIPORTA:

Pedofilia, condannato l’ex parroco

Don Roberto Berti è stato riconosciuto colpevole di molestie sessuali e psicologiche su minori. Betori fa affiggere la sentenza nella bacheca della chiesa di Ginestra

pretofiloFIRENZE – «Colpevole di molestie sessuali e psicologiche su mi­nori». Questa la sentenza nei confronti di don Roberto Berti, ex parroco della par­rocchia dell’Immacolata Con­cezione di Ginestra Fiorenti­na dal 1990 al 2001 e di San Mauro a Signa dal 2001 al 2008. La Congregazione del­la dottrina della fede ha rico­nosciuto il prete colpevole di pedofilia durante il suo mandato parrocchiale ed ha ufficializzato l’allontanamen­to dalla diocesi fiorentina, che era già avvenuto da tem­po. Don Berti è ora obbligato a vivere, vigilato, in una struttura ecclesiastica fuori dalla diocesi.

LA SENTENZA – La sentenza è stata notifi­cata dall’arcivescovo di Firen­ze monsignor Giuseppe Beto­ri in una lettera inviata nei giorni scorsi a don James Sa­varirajan, parroco delle chie­se di Ginestra Fiorentina e Carcheri. «Essendosi conclu­so il procedimento nei suoi riguardi, ritengo doveroso rendere noto alla comunità parrocchiale interessata che don Roberto Berti, a seguito di processo canonico penale amministrativo, è stato rico­nosciuto colpevole di mole­stie sessuali e psicologiche su minori e, in ottemperanza a indicazioni della Congrega­zione per la dottrina della fe­de, ho emesso e notificato una sentenza che prevede per il sacerdote la residenza obbligata, in regime di vigi­lanza, in una struttura fuori dalla diocesi di Firenze per un percorso di recupero spi­rituale e psicoterapeutico. L’arco di tempo complessivo previsto per portare a termi­ne il programma di recupero sarà di otto anni. In questo periodo don Berti è escluso da ogni attività pastorale. Al termine degli otto anni la Congregazione per la dottri­na della fede riesaminerà la situazione, valutando se il cammino di rigenerazione spirituale e psicologica avrà ottenuto i risultati sperati».

LETTERA AFFISSA IN BACHECA – Domenica 8 novembre, per volontà dello stesso arcive­scovo, la lettera è stata affis­sa nella bacheca della chiesa di Ginestra Fiorentina. Un forte gesto pubblico, una ri­chiesta di perdono nei con­fronti di una comunità colpi­ta e ferita da una vicenda che ha lasciato nel dolore molte persone. «Nel ripensare alle grandi sofferenze che questa triste vicenda ha causato, l’Arcidiocesi ribadisce la sua vicinanza a quanti ne hanno subite le penose conseguen­ze e rinnova l’impegno affin­ché simili funesti episodi non accadano mai più, men­tre accompagna con la pre­ghiera il percorso di rigenera­zione umana e spirituale del colpevole». Monsignor Beto­ri poi conclude «chiedendo a tutti sensibilità, vicinanza a quanti hanno sofferto e sof­frono, cristiano perdono e preghiera per tutti». Alberto Cioni

NOSTRO COMMENTO: Non c’è perdono per i preti pedofili che sono una piaga per la Chiesa verso i quali non ha mai voluto prendere provvedimenti seri. Questa è una vera VERGOGNA! Non è affatto vero, checché ne dicano i soloni della psicologia, che il pedofilo sia una persona malata. Il pedofilo, a nostro avviso, è una persona sana ma deviata a cui andrebbe applicata la Cd “legge del taglione”, cioè, asportazione degli organi genitali assieme a venti anni di carcere duro. Non mi si venga a parlare di perdono o recupero per questi esseri immondi e volgari che, ripeto, non sono persone malate. Fate girare questo articolo in modo che tutti sappiano chi sia questo prete pedofilo. Si chiama Roberto BERTI, ex parroco della par­rocchia dell’Immacolata Con­cezione di Ginestra Fiorenti­na dal 1990 al 2001 e di San Mauro a Signa dal 2001 al 2008.



Categorie:Religione

2 replies

  1. “legge del taglione”? asportazione del pene e 20 anni di galera? ma scusate e allora ripristiniamo la pena di morte e tagliamo le mani ai ladri incalliti. e menomale che il sito ha un taglio “legale” (la legalita’ del medioevo).

  2. Legalità non vuol dire “cretineria” Vorrei vedere Lei cosa farebbe se un pedofilo o peggio ancora un prete pedofilo violentasse il suo bambino? I preti pedofili sono una piaga che, purtroppo, hanno trovato terreno fertile nella Chiesa che non ha fatto niente per arginare questo schifo. Le legge del taglione era solo una “battuta” per dire che a queste persone andrebbero comminate pene molto severe per non farle incorrere negli stessi errori. Si vada a vedere – anche su questo stesso blog (religione) – cosa hanno combinato i preti pedofili ai bambini. Vedrà che gli passerà la voglia di recuperarli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: