Cosa vi dicevo: E’ un Governo che traballa!

Cosa vi dicevo: E’ un Governo che traballa!

Da Blizquotidiano riceviamo e pubblichiamo: 30 aprile 2013

soldiROMA – Il governo Letta ottiene la fiducia anche al Senato. Ma tra Pd e Pdl è scontro sull’Imu: Berlusconi ha addirittura detto che se non verrà abolita potrebbe fare un passo indietro.

Voto di fiducia

233 voti favorevoli,  59 contrati, 18 astenuti. Erano presenti alla votazione 310 senatori. Il quorum per ottenere la fiducia era fissato a quota 156.

Imu sì, Imu no, Imu più in là, Imu di meno

Quello di Berlusconi è una sorta di ultimatum al premier Enrico Letta. Sì, perché i ministri Franceschini e Delrio avevano esplicitato (visto che evidentemente ce n’era bisogno) che l’Imu sarebbe stata sospesa sì, ma non cancellata come chiede il Pdl. E il Pdl, per bocca di Altero Matteoli aveva detto: “Non condividiamo questa posizione, Letta chiarisca cosa intende fare”. Ma Letta sull’Imu ha taciuto. E di solito chi tace acconsente.

NOSTRO COMMENTO: Vedete! I primi ostacoli sorgono con l’IMU. Siamo ancora all’inizio. Ne vedremo delle belle!

ROMA – Pier Luigi Bersani sta forse pensando di ‘mandare avanti’ Enrico Letta come premier “breve” e salvarsi lui per un Governo più lungo?

Secondo Italia Oggi il progetto a cui starebbe pensando Bersani sarebbe quello di non “bruciarsi” come premier dopo queste elezioni, il cui esito quasi sicuramente lo costringerà a un governo debole, senza maggioranza al Senato.

L’idea allora sarebbe di buttare nella fossa dei leoni Enrico Letta, nipote di Gianni, per fargli reggere un governo di circa un anno che riesca almeno a cambiare la legge elettorale e poi, una volta abolito il ‘porcellum’, tornare alle urne, vincere e reggere lui (Bersani) un Governo più stabile.

Ma non si rischierebbe così di far rinascere la fenice Berlusconi, come già si è iniziato a fare durante questa campagna elettorale e come più volte è accaduto in passato?

NOSTRO COMMENTO: Mah! Noi nei riguardi del giochetto che vorrebbe attuare Bersani, non la pensiamo come Italia Oggi. L’ipotesi di mandare avanti Letta per abolire il Porcellum, tornare alle urne, vincere le elezioni e subentrare Lui, mi pare un poco azzardata.  Intanto si devono verificare delle condizioni che, allo stato, non è assolutamente possibile prevedere. Bisogna anche tener conto che il PD di Bersani è uscito piuttosto malconcio da queste elezioni. Bersani non ha fatto una buona campagna elettorale. Ha perso tempo prezioso dietro Beppe Grillo. Ha sottovalutato il Cavaliere. Si è sputtanato con l’elettorato. Non è così facile riconquistare l’elettorato una volta perso. Non si è nemmeno pronunziato su Rodotà Presidente. Insomma! Bersani ha fatto parecchie cazzate. In politica gli sbagli si pagano, oltretutto, Bersani non è il Cavaliere. Secondo Noi il giochetto ipotizzato non gli riuscirà anche perché Letta non è un “cazzone”. Secondo Noi e, salvo che non intervengano fatti nuovi con questo Governo, Bersani è quasi maturo per il “de profundis”. 



Categorie:Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: