Tutti a Casa, Si è Concluso il Conclave di Spineto

 Tutti a Casa, Si è Concluso il Conclave di Spineto: Nominati altri esperti per le Riforme!

Fonte e Link: http://www.lapennadellacoscienza.it/tutti-a-casa-si-e-concluso-il-conclave-di-spineto-nominati-altri-esperti-per-le-riforme/

raduno-informale-Abazia-di-SpinetoNon avevamo dubbi in merito al fatto che il governo di unità nazionale Letta-Alfano, fosse poco meno di una pagliacciata, messa in piedi giusto appena per salvare le poltrone che verrebbero cancellate da un ulteriore tornata elettorale.

L’ultima trovata è stata quella di riunire tutti i ministri e portarli in convento, lontano da oggi indiscreti, dove se fanno a botte non li sente nessuno. E’ così nell’eremo senese è ha preso vita questo strano caso di conclave governativo.

Da quanto si racconta, a causa della partecipazione di Alfano alla manifestazione di Brescia, il clima era molto teso fin da quando il Pulmino ha lasciato il piazzale di Palazzo Chigi e in breve è sfociata la discussione tra Letta e Alfano. I toni sono fin da subito alti ed esprimono la tensione tra i due schieramenti: «come ho detto che non avrei fatto l’esecutivo a tutti i costi, così oggi ti dico con andrò avanti a tutti i costi» ha ricordato Enrico letta al collega del Pdl. Alfano però ha ricordato da che parte sta, quella del suo padrone: «non vogliamo aprire nessuna crisi, ma quando dobbiamo difendere Berlusconi scordatevi che ci tireremo indietro. Lo abbiamo fatto sabato e lo faremo ancora. Semmai, qualcuno dovrebbe ricordare che a Brescia gli aggrediti siamo stati noi. Mi chiedo perché Vietti non si occupa anche di questo». Il vice presidente del CSM Michele Vietti intervistato da Repubblica ha difeso la magistratura ricordando che rappresenta baluardo in difesa legalità, ma che deve essere anche apprezzata e difesa. Vietti è stato chiaro anche nei confronti della partecipazione del ministro dell’interno ammettendo francamente «io non ci sarei andato». Anche Napolitano, che ha preferito non prendere apertamente le parti nessuno, ha fatto sapere di riconoscersi nelle parole di Vietti.Che questo sia il governo degli opportunismi più estremi è ormai palese. Le tensioni tra i ministri delle diverse aree è talmente forte che alla fine quando il pullman era ancora in viaggio, si è giunti una mediazione, ovviamente dopo aver informato e chiesto consiglio a Silvio Berlusconi. Alla fine ci si è accordati su uno stop alle presenze televisive e alle interviste da parte dei ministri, che potranno andare in televisione solo per comunicare progetti di loro competenza evitando gli annunci e toni da comizio elettorale.E’ probabile che questo provvedimento sia stato assunto anche dopo le tensioni provocate dall’ingenuità di alcuni ministri che fin dalle prime ore si erano lanciati in proclami di varia natura. Questa sorta di silenzio che dovrà essere mantenuto fino al 26 maggio data delle elezioni amministrative, ricorda molto i diktat lanciati da Grillo nei confronti dei suoi parlamentari. Pensare che tanti di questi signori che avevano deriso Grillo, oggi debbano ricorrere agli stessi strumenti se vogliono evitare di esasperare la polemica.Al di là degli autorevoli predecessori che hanno assunto l’iniziativa del silenzio, questa dev’essere stata l’unica soluzione possibile, data la durissima contrapposizione tra PD e PDL, dopo la scela di Alfano e dei suoi di partecipare alla manifestazione di piazza in difesa di Berlusconi. Alfano però su una cosa non ha fatto retromarcia ricordando a Letta che indipendentemente dalla crisi e dalle esigenze di governo, lui e suoi non sono disposti a prendere le distanze dal loro leader « Quando lui è sotto attacco, è nostro diritto difenderlo. Anche in piazza perché le nostre piazze non sono diverse dalle vostre».E’ stato così che il vertice di Spineto è stato salvato in extremis, poco prima che Enrico letta e Angelino Alfano venissero le mani sul pullman dopo aver percorso che pochi chilometri.Nel frattempo, per evitare che le polemiche si diffondessero anche l’esterno i ministri hanno cercato di offrire prova di sobrietà e per la notte passata all’antica abbazia benedettina di Spineto, hanno pagato di tasca propria € 200. Anche la cena è stata frugale: crostini farciti in vario modo, pappa col pomodoro, fagiolini e prosciutto. l’unico sfizio era un buon brunello di Montalcino che doveva servire probabilmente per calmare gli animi. Per rendere l’atmosfera ancora più suggestiva è stato imposto ai ministri l’astinenza dalla tv e d’altronde doveva essere sufficiente lo spettacolo che offrivano da se. Quello che resta di questa curiosa iniziativa alla fine è un piano alquanto fumoso e degli 8 punti proposti da Bersani e degli 8 punti dichiarati da Berlusconi non ne sono rimasti che 4: più lavoro per i giovani, un decreto IMU che stando alle dichiarazioni di Letta è in fase di finalizzazione, un pacchetto di agevolazioni fiscali, una generica riforma della politica. In fine, dopo i tecnici di Monti e i Saggi di Napolitano, il Governo nominerà l’ennesima commissione di esperti esterni che avranno cura di studiare un progetto di riforma costituzionale. La Commissione, entro i primi 100 giorni dovrà elaborare un progetto che dovrà essere consegnato ai presidenti delle Camere al fine di consegnarle alla Convezione. Difficile che la pace tra Alfano e Letta sarà tanto duratura da conoscere l’esito di questo progetto. (13-05-2013)

NOSTRO COMMENTO: Cosa Vi avevo detto questo Governo non supererà l’anno in corso. Ben presto si prenderanno dalla gola. Sarà la fine del PD ed anche del PDL. Meglio così!



Categorie:Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: