Inchiesta Marrazzo in aula.

Inchiesta trans, Marrazzo in aula: «Del video mi parlò Berlusconi. Colpita la mia dignità»

L’ex governatore, sentito al processo a quattro carabinieri infedeli, incontra per la prima volta uno dei suoi ricattatori

Fonte e Link: http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/inchiesta_trans_marrazzo_aula_colpita_dignita/notizie/284878.shtml

marrazzoROMA – «I quattro anni trascorsi sono stati molto difficili, è stata colpita la mia famiglia e la mia dignità personale e professionale». Lo ha affermato l’ex governatore della Regione Lazio, Piero Marrazzo, sentito per la prima volta come testimone nel processo a 4 carabinieri infedeli Nicola Testini, Luciano Simeone, Carlo Tagliente e Antonio Tamburrino – accusati di aver organizzato un ricatto ai suoi danni. Marrazzo fuori dall’aula del Tribunale ha anche incrociato per la prima volta uno dei carabinieri accusati di averlo ricattato.

Marrazzo, parlando come testimone al processo, ha spiegato che questa vicenda lo ha portato «a separarsi dalla moglie». «Mi sono dimesso dall’incarico di governatore del Lazio – ha spiegato – era giusto fare così e sono tornato a non fare il mio lavoro». Per il giornalista Rai questo fatto gli ha «provocato dolore anche per colpa di una campagna mediatica micidiale, molto aggressiva e diffamatoria, che ha fornito spesso alla pubblica opinione notizie non vere».

L’ex presidente della Regione ha ammesso di avere avuto «negli anni passati sporadici incontri con transessuali, se ne contano sulle dita di una mano, qualche volta si è consumata della cocaina che non portavo certo io. Non ho mai usato l’auto di servizio per questo tipo di incontri né ho mai portato trans negli uffici della Regione».

«Appresi del video quando dopo alcuni giorni
mi chiamò
l’allora premier Silvio Berlusconi per dirmi che un direttore del gruppo Mondadori, credo si tratti di Alfonso Signorini, aveva visto un video che mi riguardava e che era inutilizzabile perché non si capiva bene», ha poi ribadito Marazzo.

«Berlusconi – prosegue Marrazzo – mi disse che ce lo aveva un’agenzia di Milano e mi diede un numero al quale telefonai successivamente. Mi rispose una donna, mi confermò di averlo. Le risposi che mi sarei attivato per mandare qualcuno di mia fiducia a vederlo. Poi, dopo forse un giorno, mi richiamò Berlusconi affermando che il video era stato sequestrato dai Ros e che tutto era andato bene. Mi volle tranquillizzare».

L’ex governatore ha aggiunto che «quando fui sentito in procura, ebbi modo di vedere quel video, era girato in modo farraginoso e forse sottoposto a un montaggio. Oggi questa storia mi appare tutta più logica: quei carabinieri mi impedirono di lasciare la casa di Natali perché stavano girando un video».

«Un giorno Natali mi disse che c’era qualcuno che voleva tendermi un agguato per colpirmi. Al momento non diedi importanza a quelle parole ma con il senno di poi e dopo quanto accaduto in via Gradoli, capii», racconta ancora Marrazzo. Nel corso della sua lunga deposizione, durata oltre quattro ore, l’ex presidente della Regione ha ricostruito cosa avvenne la mattina del 3 luglio 2009 nell’appartamento di Natali.

«I due carabinieri – spiega – che entrarono in casa mi chiesero prima una cifra spropositata, enorme, circa 80mila euro in contanti per chiudere la vicenda, io dissi che non ne avevo e utilizzai un blocchetto degli assegni per staccarne tre per complessivi 15-20mila euro. Anche Natali mi aveva invitato a pagare, così sarei stato libero. I due carabinieri mi presero anche tutti gli effetti personali e quando mi restituirono il portafoglio mi accorsi che mancavano almeno due mila euro. 800-1000 li avevo consegnati a Natali per la prestazione».

Marrazzo ricorda che in quei momenti «ebbe paura», i carabinieri «avevano il cellulare e mi dissero che erano in attesa di disposizioni da parte del comando. Quando andarono via, con la coda dell’occhio notai un piatto con della polvere bianca. Uscii dall’appartamento chiaramente confuso e alcune ore dopo contattai Natali dicendole di venire a casa mia». Il vicedirettore Rai «voleva essere rassicurato sul fatto che quei due fossero effettivamente carabinieri».

«Quel 3 luglio del 2009, nell’appartamento di Natalì in via Gradoli, ho avuto molta paura. Mi sono reso conto di aver compiuto il più grande errore della mia vita», racconta Marrazzo, parlando del giorno in cui due carabinieri infedeli fecero irruzione nell’appartamento del trans Natalì in via Gradoli a Roma. Marrazzo, rispondendo al pm Rodolfo Sabelli ed Edoardo De Santis davanti ai giudici della IX sezione penale, ricorda che «fu sottoposto da quei due carabinieri in borghese entrati nell’appartamento ad una violenza psicologica molto forte, mi trovai in stato di restrizione, mi sentivo sotto sequestrato. Volevo uscire a tutti costi da quella casa ma non mi fu consentito neppure di rivestirmi. Non mi resi conto che stavano girando un video con il cellulare».

«Non ricordo contatti col pusher di Brenda», sottolinea Marrazzo. Rispondendo alle domande degli avvocati della difesa Marrazzo ha affermato di «non ricordare» di numerosi contatti telefonici con l’utenza riconducibile a tal Giorgio Di Fazi, che in una informativa del Ros risultava essere il fornitore di stupefacenti a Blenda, il trans deceduto nel novembre del 2009.

NOSTRO COMMENTO: Marrazzo non può  attribuire le conseguenze di quello che è successo allo scandalo ed al ricatto successivo alla pubblicazione della notizia.  A parte il video (Forse artefatto! Chi lo sa?) che lo ritraeva  (3 luglio 2009) in un appartamento di Via Gradoli a Roma, in atteggiamenti inequivocabili in compagnia di una transessuale, Alexander Josè Silva,  conosciuta a tutti come Natalie e mostrava della cocaina esposta in un piatto poggiato su un tavolo.  Risulta, infatti, per tabulas, perché lo ha ammesso lo stesso Marrazzo: “di avere avuto «negli anni passati sporadici incontri con transessuali, se ne contano sulle dita di una mano, qualche volta si è consumata della cocaina che non portavo certo io. Non ho mai usato l’auto di servizio per questo tipo di incontri né ho mai portato trans negli uffici della Regione».
Basta solo questa gravissima ammissione per allontanarlo definitivamente dalle istituzioni (ex Governatore Regione Lazio) e dalla dalla politica oltre che dalla famiglia, per come accaduto. Afferma, infatti, Marrazzo testualmente: «Quel 3 luglio del 2009, nell’appartamento di Natalì in via Gradoli, ho avuto molta paura. Mi sono reso conto di aver compiuto il più grande errore della mia vita.» Ora non gli resta altro che chiedere perdono a Gesù Cristo per gli errori – direi meglio orrori – commessi da Lui stesso. Lo scandalo ed il ricatto successivo sono una conseguenza – seppur aberrante – di quanto accaduto. Inutile affermare ex post che Lui sarebbe stato vittima di “questo processo” (video sul Corriere) non è corretto, atteso che per sua stessa ammissione gli incontri con i trans ci sono stati. “Factum infectum fieri nequit”,  dicevano i Latini.



Categorie:Giustizia, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: