Il verdetto della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento: La Corte rigetta

Processo Mediaset, la Consulta decide Berlusconi: «Non mi aspetto nulla di buono»
Il verdetto della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento
 Fonte e link: corriere.it

.

berlusconi-senato_interna-nuovaROMA – La speranza della difesa è tutta riposta in una sentenza di «compromesso». Perché alla vigilia della decisione della Corte costituzionale che dovrà decidere sul legittimo impedimento invocato da Silvio Berlusconi nel processo Mediaset, nessuno tra i suoi fedelissimi scommetterebbe su una pronuncia favorevole al Cavaliere. E anche le indiscrezioni filtrate ieri confermerebbero questa previsione. Eppure c’è chi confida sulla possibilità che nella motivazione i giudici inseriscano un «appiglio» che la difesa possa utilizzare in Cassazione per ottenere l’annullamento della condanna a quattro anni di carcere e cinque di interdizione dai pubblici uffici, inflitta l’8 maggio scorso dal tribunale di Milano per il reato di frode fiscale.

La fibrillazione delle ultime ore coinvolge la tenuta del governo, nonostante le rassicurazioni sulla «lealtà» del Pdl all’esecutivo di «larghe intese» guidato da Enrico Letta. Perché resta intatto il timore che il verdetto odierno influisca sulla situazione politica. Non a caso qualche giorno fa il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ribadito la necessità di «rispettare il giudice delle leggi» e ieri in ambienti del Quirinale si ribadiva come «su questa sentenza si sono create aspettative improprie. Bisogna avere chiaro il senso dell’autentica natura e dei limiti di questa pronuncia che non può essere confusa con gli esiti dei processi penali».

La questione è nota. Il 1 marzo 2010, di fronte al tribunale di Milano che si occupa del processo sullo sfruttamento dei diritti televisivi sulle reti Mediaset, gli avvocati di Berlusconi chiedono di riconoscere il «legittimo impedimento» visto che il loro assistito, all’epoca presidente del Consiglio, era impegnato a guidare il Consiglio dei ministri. Istanza respinta perché, questa la motivazione del collegio, in realtà l’udienza era stata concordata proprio con la difesa del premier e la riunione a Palazzo Chigi poteva essere convocata in altra data, non essendoci particolari urgenze. I legali decisero così di sollevare conflitto di fronte alla Corte costituzionale. Il processo è intanto andato avanti e Berlusconi è stato condannato in primo e in secondo grado.

Le conseguenze della decisione della Consulta non sono irrilevanti rispetto al destino giudiziario di Berlusconi. Se fosse riconosciuto il legittimo impedimento si aprirebbe la strada per chiedere alla Cassazione di far ripartire il processo dal primo grado o dall’appello. E questo consentirebbe all’imputato di poter sperare nella prescrizione che arriverà tra un anno, nel luglio del 2014. Se così non fosse, l’ultimo grado di giudizio potrebbe concludersi entro quella data con il rischio di vedere confermata in via definitiva la condanna e soprattutto l’interdizione.

Il pessimismo che serpeggiava ieri sera tra i parlamentari del Pdl faceva leva sulla composizione «politica» della Corte con chi evidenziava come almeno dieci fra i giudici possano essere ritenuti vicini al centrosinistra, ma soprattutto sottolineava quanto scritto dal relatore Sabino Cassese nel gennaio 2011 quando scrisse la sentenza che bocciava la cosidetta «legge Vietti» sul legittimo impedimento. Perché si sosteneva che il pronunciamento del giudice rispetto all’impegno manifestato dall’imputato «sia di per sé lesivo delle prerogative del presidente del Consiglio o si ponga in contrasto con il principio della separazione dei poteri» e soprattutto veniva specificato come «il principio di leale collaborazione tra poteri ha carattere bidirezionale, nel senso che esso riguarda anche il presidente del Consiglio, la programmazione dei cui impegni, in quanto essi si traducano in altrettante cause di legittimo impedimento, è suscettibile a sua volta di incidere sullo svolgimento della funzione giurisdizionale». Un precedente che non potrà non pesare sulla decisione di oggi. Fiorenza Sarzanini19 giugno 2013

IL VICE PRESIDENTE DEL SENATO
Fonte:Dal corriere.it 19_06_2013
Gasparri: «Se Berlusconi interdetto noi ci dimettiamo tutti in blocco»

E aggiunge: «Sulla Corte Costituzionale incrocio le dita, anche se dovrei essere pessimista»

Maurizio Gasparri (Imagoeconomica)

«Sulla Corte Costituzionale incrocio le dita perché se vedessi i numeri, le appartenenze e gli orientamenti dovrei essere pessimista». Così il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (Pdl), considerando possibile, in caso di interdizione di Berlusconi dai pubblici uffici, «le dimissioni di tutti i parlamentari del Pdl». «Mi auguro – afferma Gasparri intervenendo al programma “Citofonare Adinolfi” su Radio Ies – ci sia buon senso e che si prenda atto della verità: il legittimo impedimento c’era».

Gasparri: «Se Berlusconi interdetto ci dimettiamo tutti»

MASSACRO – «È un periodo che vede vari pronunciamenti in attesa e se ci fosse un sistematico massacro giudiziario nei confronti di Berlusconi è impensabile che il Pdl possa assistere inerte al tentativo di una sua espulsione dalla vita democratica del Paese» aggiunge. Quindi l’annuncio: «Qualora ci fosse un epilogo negativo e, per noi di inaccettabile valore politico, avremmo tutto il diritto di assumere iniziative come, in ipotesi, le dimissioni di tutti i parlamentari Pdl. Se non c’è praticabilità e la squadra esce dal campo, gli arbitri e i giudici devono considerare se la partita può andare avanti o meno».

NOSTRO COMMENTO: Alla pubblicazione delle presenti note apprendiamo dal TG delle ore 20  (19_06_2013) che la Corte Costituzionale ha rigettato il ricorso di Berlusconi. Non gli rimane altro che la Cassazione.  La salvezza dell’Italia è riposta solo nella Cassazione. Speriamo bene!



Categorie:Giustizia, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: