Due articoli: la sfida dell’ex Ministro Fitto e le dimissioni della Biancofiore

LA SFIDA DELL’EX MINISTRO

Pdl, Fitto: noi lealisti non vogliamo posti «Azzerare tutto e poi il congresso» «Sì a una nuova legittimazione. La linea di Alfano? È subalterna alla sinistra»

Fonte e Link: http://www.corriere.it/politica/13_ottobre_06/fitto-pdl-intervista-di-caro-73e01dec-2e4d-11e3-9d21-b46496cc2a61.shtml

Non vuole posti, né prebende, né «strapuntini». Respinge al mittente tutte le offerte che, in queste ore, gli stanno arrivando. E dopo settimane di silenzio, nelle quali non ha fatto né la parte del falco né quella della colomba, Raffaele Fitto esce allo scoperto.
La sua è una sfida ad Alfano sul terreno più delicato ma anche più esiziale per la vita di un partito: quello delle regole. Perché l’ex ministro e potente ex presidente della Puglia – forte di numeri importanti sul territorio, in Parlamento e anche punto di riferimento di parecchi big del Pdl – chiede, e subito, «l’azzeramento di tutti gli incarichi di partito e la convocazione di un congresso».
Altro insomma che accettare di dividere un pezzo della torta – che si chiami direttorio o comitato – con gli altri filo-alfaniani e no in un partito diretto con mano forte dal vicepremier. Tutto, secondo Fitto, dopo questo passaggio deve essere rimesso in discussione. Dalla linea politica fino, appunto, al segretario. E lui, in questa battaglia, sarà in prima linea, magari proprio a capo della vasta area del partito – che lui ribattezza come «i lealisti» – in parte già schierata in parte attenta ma ancora in attesa di sviluppi.

Alfano ha indubbiamente ottenuto una vittoria politica sulla fiducia, è già segretario, e adesso offre anche a voi che non eravate schierati con lui spazio nella nuova Forza Italia. Non vi basta?
«Guardi, se qualcuno pensa che questa nostra iniziativa sia finalizzata ad ottenere qualche incarico, si sbaglia di grosso. Forse sono voci volutamente messe in giro per sminuire la portata della nostra azione. Sarebbe poi interessante sapere se si parla di Forza Italia o del Pdl, che non è un dettaglio».

Però non sono ruoli da poco quelli di cui si parla: se saltassero i coordinatori Verdini e Bondi, i «falchi» Santanchè e Capezzone, perfino il capogruppo di Brunetta – tutte richieste che sarebbero arrivate in qualche modo dai «governativi» – si aprirebbero molti spazi. Lei non è interessato?
«Assolutamente no. E pensarlo vuol dire non aver compreso che non è un problema di strapuntino personale ma un grosso problema politico».

Ma quando dice «noi» cosa intende? Chi siete, cosa è che vi caratterizza?
«Siamo in tanti, e abbiamo deciso di chiamarci lealisti. Siamo quelli che non si limitano solo ad inviare comunicati stampa quando viene commesso un gravissimo atto come in giunta al Senato venerdì. Siamo quelli che si rifiutano di accettare che 20 anni di nostra storia, di passione, di idee, di coinvolgimento di milioni di italiani attorno a Berlusconi possano essere raccontati come un romanzo criminale. Siamo quelli che sostengono con forza la battaglia contro l’oppressione fiscale, e che vogliono scelte chiare sul taglio della spesa pubblica. E, infine, siamo quelli che credono nel bipolarismo e nel presidenzialismo, in una chiara democrazia dell’alternanza che costruisce un centrodestra modernizzatore, appena superata questa fase di transizione del governo di larghe intese. Insomma, siamo quelli leali con Berlusconi e le sue politiche».

Cioè, Alfano e i suoi non lo sono?
«Io parlo della nostra valutazione. Poi ognuno si comporta e si comporterà come vuole».
Dicono che lei con Alfano ha un conto aperto, che dopo anni di collaborazione oggi i vostri rapporti siano ridotti a zero. E’ così?
«Rischierei di essere ipocrita e bugiardo, invece dirò la verità: in politica si alternano fasi di più o meno intensa collaborazione, e in questo periodo io non condivido la sua azione politica, che rischia di costruire un centro politicamente e culturalmente subalterno alla sinistra».

Ma dove vede questi cedimenti?
«Per esempio sul tema delle riforme istituzionali, concordate con il Pd, è sparito dall’agenda il tema della riforma della giustizia, nonostante anche i recenti richiami dell’Europa. Perché?».

Questa contrapposizione nel partito metterà a rischio il governo?
«Noi sosterremo lealmente il governo, come ci ha indicato nel suo intervento in Aula il presidente Berlusconi, e senza alcuna ostilità. Vigileremo però con molta attenzione, per evitare che un governo di larghe intese si trasformi in un governo di sotto intese…».

Ma con questi presupposti il partito può davvero restare unito?
«Io condivido l’appello all’unità di Bondi e i ripetuti richiami in tal senso degli amici Matteoli e Gasparri. Ma quello che è accaduto in questi giorni non può lasciarci indifferenti, e merita una seria riflessione».

Intende la guerra tra governativi e duri e puri?
«Beh, tanti moderati non hanno condiviso e non condividono la contrapposizione ornitologica tra falchi e colombe, che hanno finito con il danneggiare l’immagine del partito ed hanno costretto il presidente Berlusconi ad estenuanti mediazioni interne fino a pochi minuti prima del voto».

E allora come se ne esce?
«Considerando finita la stagione dei vertici autoreferenziali di nominati. Occorre, così come ci ha sempre ricordato Alfano di cui cito le parole il giorno della sua nomina a segretario “la legittimazione dal basso, rispettando il principio anatomico secondo il quale il corpo umano è predisposto per sedere su una sola sedia, anche per evitare di lasciare vuote le funzioni esercitate sulle altre”».

Insomma, basta con i nominati, a partire dal segretario?
«Il vero nodo per recuperare l’unità di tutti è quello di una legittimazione che preveda l’azzeramento di tutti gli incarichi di partito, e la convocazione di un congresso straordinario che discuta e decida la linea politica e che faccia esprimere direttamente i nostri elettori per l’elezione del segretario, degli organismi dirigenti, da Roma fino al più piccolo dei nostri paesi».

06 ottobre 2013

 IL NOSTRO COMMENTO: Bravo Fitto! Finalmente anche in seno al PDL abbiamo trovato il Casini della situazione. Che Fitto invece di fare il “lealista” vada, non da Alfano, ma dal suo Capo Berlusconi a raccontare queste storielle.

 

Enrico Letta: “La stagione di Berlusconi è finita, termina un ventennio”

Fonte e Link: http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/enrico-letta-stagione-berlusconi-finita-termina-ventennio-1684506/

ROMA – “Silvio Berlusconi ha perso, la sua stagione è finita. Alfano ha vinto”. Lo ha detto Enrico Letta a SkyTg24. ”Mercoledì scorso – dice il premier – si è chiuso un ventennio con un confronto politico molto forte. E’ una pagina voltata in modo definitivo io spingo perchè ciò sia chiaro a tutti e non si torni indietro”.

Berlusconi ha cercato di far cadere il governo – ha continuato il presidente del Consiglio – e non ci è riuscito perché il Parlamento in sintonia con il Paese ha voluto che si continuasse. Ho preso un rischio perché non ho accettato mediazioni”.

E loda il coraggio di Alfano: “Alfano ha assunto una leadership molto forte e molto marcata, è stato sfidato ed ha vinto la partita”. E ammette di “fidarsi molto dei cinque ministri del Pdl“.

“Abbiamo conquistato la stabilità – ha detto ancora Letta – ora dobbiamo coglierne i frutti. Ora c’è bisogno di fare le cose – spiega il premier – l‘Iva è stata aumentata nel 2011 dal governo Berlusconi, era già nel bilancio dello Stato, adesso nelle prossime settimane presenteremo la legge di stabilità e attorno a quello lavoreremo per mettere ordine nelle aliquote dell’Iva”.

Sul cuneo fiscale, Letta dice che sarà il cuore della legge di stabilità. “Nel 2014 i lavoratori italiani avranno un beneficio in busta paga – annuncia – Ne discuteremo con le parti sociali e ci saranno vantaggi anche per le imprese”.

Letta conferma poi l’intenzione di andare fino in fondo sulla strada dell’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, anche a costo di varare un decreto legge ad hoc. “L’autunno finisce il 21 dicembre – spiega – e entro quella data se il Parlamento non avrà varato l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti il governo varerà un decreto legge”.

Le dimissioni della Biancofiore. Letta ha parlato anche delle dimissioni di Micaela Biancofiore. Ieri era circolata infatti la voce secondo cui le sue dimissioni, a differenza di quelle dei ministri, erano state accettate da Letta. Lei aveva risposto di non saperne niente e di attendere “cortesi conferme o smentite”. Oggi Letta conferma di aver accettato le dimissioni presentate dal sottosegretario alla Semplificazione e allo Sport “perché dopo che i ministri le avevano ritirate lei le ha mantenute – spiega – Quindi le ho accettate per far capire che sono cambiate le cose”.

IL NOSTRO COMMENTO: Ha fatto bene Letta ad accettare le dimissioni. Che la Biancofiore vada a battere i piedi da Berlusconi. Quanto al Presidente Letta consiglierei di non essere tanto sicuro che la stagione di Berlusconi sia finita. Berlusconi è un uomo potente e ricchissimo ed i soldi muovono montagne e fanno venire la vista ai ciechi. Non abbassi la guardia, Presidente, tutto può accedere con Berlusconi.

Leggi anche:

Si sta per chiudere l’epoca del Berlusconismo. Le comiche del voto di fiducia.



Categorie:Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: