Bonus arredi: i chiarimenti video dell’Agenzia delle Entrate

Bonus arredi: i chiarimenti video dell’Agenzia delle Entrate

di Vittoria Patanè | 10 Novembre 2013

Fonte e Link:http://www.forexinfo.it/Bonus-arredi-i-chiarimenti-video?utm_source=Forexinfo+Forex+Trading+Online&utm_campaign=0ce6872c65-forexinfo-daily-email&utm_medium=email&utm_term=0_4302bacf08-0ce6872c65-302716845

Tramite un video pubblicato su You tube, l’Agenzia delle Entrate fornisce ai contribuenti tutti i chiarimenti relativi al bonus arredi
Venerdì scorso l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul suo canale You Tube una guida online esplicativa sul Bonus Arredi, la detrazione Irpef al 50% prevista per chi acquista mobili o elettrodomestici per arredare un immobile ristrutturato.
Ecco le linee guida diramate dall’Ade.
Chi può usufruirne?
La detrazione, ripartita in 10 anni, è pari al 50% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 e va calcolata su un importo massimo di 10 mila euro.
Potrà avere accesso al bonus chiunque effettui interventi di ristrutturazione sulla singola abitazione o su parti comuni di edifici condominiali. In questo secondo caso, il bonus sarà valido per:
• guardiole,
• alloggio del portiere,
• sale condominiali,
• lavatoi,
• altre parti comuni.
Le scadenze
L’Agenzia delle Entrate sottolinea che le spese per i lavori di ristrutturazione che danno diritto al bonus mobili sono quelle sostenute dal 26 giugno 2012, mentre la detrazione al 50% spetta per le spese di mobili ed elettrodomestici (classe A e A+) sostenute dal 6 giugno al 31 dicembre 2013. Sono compresi inoltre gli elettrodomestici per i quali non è ancora obbligatorio indicare la classe energetica, nonché le spese di montaggio e trasporto.
Come ottenere il bonus?
Condizione imprescindibile per ottenere il bonus è l’aver iniziato in precedenza i lavori di ristrutturazione, anche se essi non sono stati pagati prima dell’acquisto degli elettrodomestici. Sarà sufficiente infatti presentare i documenti che attestino la data di inizio lavori o una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.
Ricordiamo inoltre che per poter accedere al bonus, tutti i pagamenti devono essere stati effettuati tramite bonifico bancario, bonifico postale, carta di credito o bancomat. Non saranno compresi nel bonus i pagamenti emessi tramite assegni e contanti.
Il bonifico bancario dovrà contenere i seguenti dati:
• causale del versamento,
• codice fiscale di chi usufruisce della detrazione,
• Partita IVA o Codice fiscale del soggetto a favore del quale viene emesso il bonifico.
Di seguito, ecco il video pubblicato dall’ADE:
Fonte: Agenzia Entrate•

.



Categorie:Economia, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: