L’AFFARE CORRUZIONE

L’AFFARE CORRUZIONE

di Redazione Cadoinpiedi.it – 2 Dicembre 2013

Fonte e Link: http://www.cadoinpiedi.it/2013/12/02/laffare_corruzione.html

corruzione_soldiUn danno erariale di 2,2 miliardi di euro. Lo hanno provocato i dipendenti pubblici nei primi dieci mesi del 2013. Lo ha denunciato la Guardia di Finanza. Le truffe da sole sono costate alle casse dello Stato un miliardo e 358 milioni di euro. E tra consulenze, falsi poveri e abusi sulle case popolari il conto sale.

Un danno da 2 miliardi e 22 milioni di euro. E’ il buco erariale che hanno provocato i funzionari e gli impiegati pubblici infedeli nei primi dieci mesi del 2013. Ma non basta. Le truffe da sole sono costate alle casse dello Stato un miliardo e 358 milioni di euro. Sono i dati della guardia di finanza, pubblicati l’1 dicembre dal Corriere della Sera. Le Fiamme gialle hanno denunciato nello stesso periodo 5.073 dipendenti pubblici, ma numerose indagini sono tuttora in corso.

I FALSI POVERI SONO IN AUMENTO Non sono, tuttavia, solo i dipendenti pubblici a lucrare sui fondi dello Stato, ma anche i cosiddetti “falsi poveri”. Su 8.000 controlli effettuati, sono stati trovati 2.500 soggetti che hanno indebitamente beneficiato di prestazioni sociali agevolate come l’accesso in corsia preferenziale ad asili nido ed altri servizi per l’infanzia, la riduzione del costo delle mense scolastiche, i ‘buoni libro’ per studenti e le borse di studio, i servizi socio sanitari domiciliari, le agevolazioni per i servizi di pubblica utilità, quali luce o gas. Sono state accertate frodi al sistema previdenziale ed assistenziale per oltre 77 milioni di euro.
“Le principali truffe”, si legge nel rapporto della Guardia di Finanza, “hanno riguardato la corresponsione del cosiddetto assegno sociale a favore di cittadini extracomunitari fittiziamente residenti, l’indennità per falsi invalidi, le misure di sostegno alla disoccupazione per falsi braccianti agricoli ed il pagamento di pensione a soggetti deceduti”.

CONSULENZE ILLECITE E ABUSI SULLE CASE POPOLARI Inoltre, tra gennaio e ottobre 2013 la Guardia di Finanza ha denunciato alla Corte dei Conti 150 casi di consulenze non necessarie, calcolando un esborso illecito pari a 8 milioni e 454 mila euro. Le truffe e gli abusi compiuti nel settore del patrimonio pubblico – primi fra tutti gli alloggi popolari spesso assegnati con affitti a prezzi stracciati – hanno causato un danno di oltre 170 milioni di euro.
La mancata riscossione di tasse e tributi ha fatto perdere ben 150 milioni 480 mila euro, mentre le frodi relative ai finanziamenti erogati da enti pubblici nazionali e comunitari hanno provocato un mancato introito di ben 353 milioni di euro.
Le gare di appalto truccate hanno determinato un buco nei bilanci statali pari a 330 milioni di euro, con 360 funzionari pubblici segnalati alla Corte dei Conti; nel settore della sanità 626 dipendenti pubblici dovranno rendere conto dei propri illeciti e di aver provocato un danno di 233 milioni di euro.

IL NOSTRO COMMENTO: bisogna fare in modo che i soldi dei beni sequestrati  rientrino immediatamente nelle Casse dello Stato. Inoltre, chi si rende colpevole del reato di corruzione non dovrebbe più accedere agli uffici pubblici.  Rimettere immediatamente il controllo sulla legittimità degli atti della PA, in parole povere, il CO.RE.CO. soppresso da Bassanini e da Brunetta per evitare ai politici ed all’alta dirigenza di scialacquare  col pubblico danaro.



Categorie:Giustizia, Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: