DON PAOLO FARINELLA – Imu-Bankitalia: M5S unica opposizione all’indecenza del Pd

DON PAOLO FARINELLA – Imu-Bankitalia: M5S unica opposizione all’indecenza del Pd

Fonte e Link: http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/02/01/don-paolo-farinella-imu-bankitalia-m5s-unica-opposizione-allindecenza-del-pd/

 Ognuno è libero di giudicare Grillo come gli pare; ognuno può pensare peste e corna del Movimento 5S in parlamento. Con questa mia riflessione sull’oggi non cambio opinione sull’occasione mancata del M5S, ma, da persona onesta, rilevo alcuni dati di fatto, con una premessa.

Penso che M5S abbia fatto molti errori e sia finito per incartarsi in una sterilità politica che significa sterilità di un potenziale dirompente che avrebbe potuto cambiare la storia d’Italia. In nome di una purezza impossibile, ha finito per buttarsi dalla finestra.

Ora veniamo ai fatti, senza pregiudizi. In questo momento in parlamento M5S è l’unica opposizione degna di questo nome, la sola che riesca a svelare l’ignominia di ciò che sta accadendo in parlamento. Senza di esso, non sapremmo nulla. Il Pd ormai si è venduto mani e piedi con certificazione «doc» a Berlusconi e ha perso il senso delle proporzioni perché arriva al punto di giustificare tutto e il contrario di tutto per sopravvivere. Vedere la deputata vicentina Moretti che sembrava una promessa bersaniana, arrivare a difendere a spada tratta tutti i provvedimenti del governo, anche i più ignobili e accusare M5S di bloccare la democrazia (sic!!! sic sic sic!!!!!!), beh, viene il latte alle ginocchia e da pensare se quando dicevano di smacchiare il leopardo ci credevano oppure ci prendevano per fessi. Ciò che è accaduto in parlamento è semplice come l’acqua fresca.

1. Scade il decreto che abolisce la seconda rata dell’Imu (maledetta tassa berlusconiana, fatta propria dal Pd, digerita dal parlamento e aumentata agli italiani, ma con nome diverso – bontà loro!!!! – e questa sarebbe democrazia? Abolire una tassa e aumentarla cambiandole nome è democrazia, signorina Moretti?

2. M5S, esercitando il ruolo di opposizione che per costituzione tallona il governo e cerca di farlo cadere se ci riesce, fa ostruzionismo per arrivare a mezzanotte del 29 gennaio e così fare decadere il decreto.

3. Nessun dramma. Se il decreto fosse decaduto, un minuto dopo il governo poteva presentarne un altro e sarebbe successo niente. Perché il governo non ha fatto decadere il decreto e ha voluto a tutti i costi che fosse votato ieri? Questa è la domanda essenziale, a cui risponderò fra poco.

4. La Presidente della Camera, Boldrini Lauretta, che deve garantire lo svolgimento dei lavori, a norma di regolamento e dirigendo come arbitro la battaglia tra governo e opposizione, decide di giocare con la maggioranza e cuce la bocca al M5S passando il decreto alla votazione che così non scade. La seconda rata dell’Imu è abrogata e tutti felici e contenti? Manco p’a’ capa!!! canterebbe Renato Carosone.

5. Laura Boldrini, presidente «pro tempore» della camera «pro tempore», ha sentenziato che se non passava il decreto «gli Italiani avrebbero pagato la seconda rata Imu», facendo un intervento puramente politico che non è di sua competenza. Lei è garante di democrazia nell’aula parlamentare e non doveva intervenire nel merito. Anzi, alle pressioni del governo di accelerare, avrebbe dovuto rispondere:«il governo cerchi di governare e lasci a me le mie competenze di garante imparziale». Non lo è stata.

Riprendiamo la domanda del punto 3: Che cosa è avvenuto veramente alla Camera? Il governo ormai non governa più e gli unici atti che riesce a compiere sono i decreti legge, motivati dall’urgenza e dalla necessità. Ripassiamo la Costituzione che all’art. 77 dice con solennità:

«1. Il Governo non può, senza delegazione delle Camere, emanare decreti che abbiano valore di legge ordinaria.

2. Quando, in casi straordinari di necessità e di urgenza, il Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provve-dimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque giorni.

3. I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubbli-cazione. Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti».

Possibile che ogni giorno ci sia «necessità e urgenza» e si pone la fiducia? Non c’è giorno che il governo non disattenda la Carta Costituzionale, cioè ne fa carta straccia, ma pretende che l’opposizione lo rispetti e lo lasci governare, facendo una mielina leggera o meglio ancora finta. Questo è il governo Letta, come prima Monti, come prima Berlusconi, come prima Prodi.

1. In questa circostanza il governo è stato furbo: per abolire la seconda rata Imu autorizza la Banca d’Italia ad aumentare il suo capitale che era fermo al 1936. Cosa legittima in sé, ma non a scapito della collettività. Senza entrare in tecnicismi che fanno girare la testa, basti dire che la rivalutazione passa da € 156 mila a € 7,5 miliardi (sì, miliardi!), avendo a garanzia le riserve auree della Banca d’Italia, cioè i soldi degli Italiani. In altre parole, gli Italiani si vedono abolita l’Imu che pagano con i soldi pubblici che sono custoditi nella Banca d’Italia.

2. Alle banche non pare vero guadagnare senza fare niente una montagna di soldi, anche perché nel decreto è entrato il tetto del 3% che ciascuna banca non può superare nella quota di Banca Italia: ciò comporta che Unicredit e Banca Intesa devono vendere parte delle loro quote e quindi guadagnare ancora di più e poi altri particolari allettanti per le banche, ma noiosi per chi legge e quindi li risparmio.

3. In tutto questo guazzabuglio a favore delle banche non c’è alcuna condizione. Se per es. il governo avesse detto: rivalutiamo e voi guadagnate, a patto però che questi soldi li diate alle imprese e alle famiglie che chiedono prestiti e mutui. Ecco l’inghippo. Le banche che condizionano il governo e lo tengono per le corna, hanno imposto la loro politica finanziaria, ma non sganciano nulla.

4. Perché il governo ha messo insieme il decreto Imu e quello della Banca d’Italia? È logico! Per farli passare tutti e due, coprendo con quello dell’Imu la sconcezza del regalo alle banche. Non c’è altro motivo se non quello di ingannare la gente, facendole credere che non pagherà l’imu perché tassa le banche.

5. Un governo serio e democratico avrebbe presentato due decreti distinti e separati e avrebbe chiesto due voti separati. In questo modo quello sull’Imu sarebbe passato senza l’opposizione del M5S, mentre quello della banca d’Italia avrebbe avuto battaglia a tutto spiano. Furbo Letta, forse consigliato dal zio Letta-Richelieu. Il governo ha ingannato tutti e ha intorbidito le acque, creando le premesse dell’opposizione dura e inesorabile del M5S.

6. Il quale Movimento ha fatto il diavolo a quattro per impedire che passasse il decreto sulla banca d’Italia e invece è accusato di volere fare pagare l’Imu agli Italiani. Chi è bugiardo e contro le Istituzioni, chi dice bugie o chi cerca di sventarle? Il bue dà del cornuto all’asino.

7. Il M5S forse ha esagerato nella forma, ma se non avesse fatto così nessuno avrebbe saputo del cappio che le banche hanno messo sul governo e dell’indecenza che questi regali a quelle 7,5 miliardi euro, quando continua a dire di non avere soldi per la sopravvivenza delle persone e continua ad assistere impassibile ai licenziamenti e al dramma dei senza lavoro. Questo è un governo che con le sue scelte sta uccidendo il Paese, proseguendo nelle politiche di fame e di morte di Berlusconi e di Monti. Anzi peggio

8. A questo punto, onore e rispetto per M5S che sta facendo, da solo, l’unica opposizione che c’è in Parlamento.

9. Si dice che il M5S non faccia governare il governo. Bella questa! È il dovere dell’opposizione vera: impedire che il governo porti a casa risultati e se il governo non riesce a vincere l’opposizione giocando leale, è meglio che vada a casa perché significa che è incompetente e anzi dannoso. Qui è la prova che tutte le opposizioni precedenti del Pd in parlamento erano solo mieline da strapazzo.

10. Il vero problema è che la presenza del M5S da fastidio a tutti perché tutti davanti alla tv fanno la faccia feroce, ma poi si mettono d’accordo sottobanco e alla chetichella. Con il M5S non riescono e si sentono sburgiardati giorno dopo giorno e così anche la Moretti che si era accreditata come riformatrice, come quella che «adesso arriviamo noi giovani» e facciamo pulizia, poverina, si è ridotta a fare le stesse liturgie e le stesse ammuine di prima con l’aggravante che lo sa.

Conclusione: in questa occasione, M5S è stato l’unico baluardo di democrazia che ha difeso gli interessi generali, mentre gli altri hanno difeso gli interessi delle banche. M5S ha perso non ad armi pari, ma con la truffa e il tradimento della Costituzione. Tanto di cappello e tanto di rispetto! Il resto sono ciacole! Accusarlo di avere mortificato le Istituzioni è davvero troppo! Sarebbe come se il bue desse del cornuto all’asino; come si può permettere il Pd o altri ad accusare M5S di impedire la democrazia, loro che la stanno stuprando e violentando ogni giorno con piena avvertenza e deliberato consenso? All’indecenza non c’è limite.

PS. L’unico che non ha detto una parola su questa vicenda è Berlusconi che di denigrazione delle Istituzioni se ne intende e di cui ha vissuto e ingrassato perché le sue assicurazioni e banche possono entrare in banca d’Italia e il Pd può essere soddisfatto anche di questo. Al Pd di Renzi non resta che presentare Berlusconi come proprio candidato alle elezioni europee, mettendolo capolista in tutte le circoscrizioni. Di sicuro vince. don Paolo Farinella (1 febbraio 2014)

IL NOSTRO COMMENTO: fate girare a 360°



Categorie:Paolo Farinella, Politica

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: