Per il Premier Matteo Renzi gli italiani sono ricchi, ricchissimi… Ma, non spendono

Per il Premier Matteo Renzi gli italiani sono ricchi, ricchissimi… Ma, non spendono!

Guarda il video Clicca qui

Fonte e link: http://www.beppegrillo.it/la_cosa/2014/10/21/per-renzie-gli-italiani-ricchi-non-spendono/

Che l’Italia sia un popolo di grandi risparmiatori è storia, ma qui la situazione è un po’ più complessa. Gli italiani risparmiano, lo Stato batte cassa. La pressione fiscale è altissima, gli ammortizzatori sociali non permettono alle famiglie di mantenere i figli (quindi, il risultato è che di figli se na fa sempre di meno), non c’è lavoro, chi lo perde non lo ritrova e avanti così… Il risparmio degli italiani di cui parla Renzi si sta esaurendo, qualcuno forse dovrebbe dirglielo. La storiella degli italiani ricchi che non spendono perchè hanno paura poteva funzionare fino a qualche anno fa, ma adesso è vergognoso ascoltare il Primo Ministro affermare con enfasi menzogne del genere! Ovviamente sorvoliamo sull’espressione di Barbara D’Urso e sulla sua capacità di gestire l’intervista! Era lei oppure un cartonato di se stessa?

Vi consigliamo la lettura del post pubblicato sul sito ufficiale M5S

“Matteo Renzi ha pensato ancora una volta di farla grossa: invece di annunciare nelle sedi istituzionali il contenuto della mancetta alle famiglie, ha programmato uno show per il popolino davanti al quale Berlusconi, padrone di casa a Mediaset, sarebbe impallidito.
Nel programma domenicale di Barbara D’Urso il premier ha lanciato una delle sue bombe ad effetti speciali: 80 euro al mese per le neo-mamme, fino al terzo anno di età del bambino. È riuscito così a trasformare una misura di portata insignificante in un trionfo di applausi e “selfie”, e una legge di stabilità disastrosa in una rivoluzione. Naturalmente, nonostante il pubblico ammaestrato di Canale 5 dimostrasse entusiasmo, non c’è di che essere felici. Renzi ha messo a disposizione delle famiglie solo mezzo miliardo di euro, nel contesto di una legge finanziaria che farà sborsare alle stesse famiglie un importo ben maggiore. Non serve un economista da Nobel per capirlo. Mentre Renzi da una parte taglia le tasse, in particolare alle grandi aziende, dall’altra le reintroduce per le imprese e soprattutto per le famiglie. Cos’altro sono infatti i tagli di spesa lineari alle Regioni, alle Province e ai Comuni per circa 8 miliardi se non sforbiciate ai servizi locali (dalla scuola alla sanità) ed innalzamento del costo degli stessi servizi per i cittadini e le famiglie?” , contina a leggere…

Le neo-mamme ingannate da Renzi

Fonte e link: http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/2014/10/le-neo-mamme-ingannate-da-renzi.html

Matteo Renzi ha pensato ancora una volta di farla grossa: invece di annunciare nelle sedi istituzionali il contenuto della mancetta alle famiglie, ha programmato uno show per il popolino davanti al quale Berlusconi, padrone di casa a Mediaset, sarebbe impallidito.

Nel programma domenicale di Barbara D’Urso il premier ha lanciato una delle sue bombe ad effetti speciali: 80 euro al mese per le neo-mamme, fino al terzo anno di età del bambino. È riuscito così a trasformare una misura di portata insignificante in un trionfo di applausi e “selfie”, e una legge di stabilità disastrosa in una rivoluzione. Naturalmente, nonostante il pubblico ammaestrato di Canale 5 dimostrasse entusiasmo, non c’è di che essere felici.

Renzi ha messo a disposizione delle famiglie solo mezzo miliardo di euro, nel contesto di una legge finanziaria che farà sborsare alle stesse famiglie un importo ben maggiore. Non serve un economista da Nobel per capirlo. Mentre Renzi da una parte taglia le tasse, in particolare alle grandi aziende, dall’altra le reintroduce per le imprese e soprattutto per le famiglie. Cos’altro sono infatti i tagli di spesa lineari alle Regioni, alle Province e ai Comuni per circa 8 miliardi se non sforbiciate ai servizi locali (dalla scuola alla sanità) ed innalzamento del costo degli stessi servizi per i cittadini e le famiglie?

Non solo. Nella stabilità 2015 Renzi ha previsto una pericolosissima clausola di salvaguardia, vale a dire una misura che scatterà automaticamente nel caso in cui il Governo abbia sbagliato i calcoli e il rapporto deficit/pil superi il 3%. Si tratta di un nuovo aumento dell’Iva, la tassa indiretta sui consumi. L’Iva, la tassa più iniqua in assoluto, aumenterà come d’incanto, deprimendo ancor più la domanda interna e le vendite delle aziende. E aumenti dell’Iva sono previsti sia nel 2016, che nel 2017 e 2018 e riguarderanno l’Iva agevolata al 10% così come quella al 22%. A pagare la nuova Iva sarebbero i cittadini e le imprese facendo meno utili. Un costo enorme, tanto più per una famiglia che avesse avuto la malsana idea di sfornare un bimbo.

Già dal 2015, poi, si aggiungerebbe anche un aumento dell’accisa sui carburanti per 1 miliardo nel caso in cui la lotta all’evasione non desse i frutti sperati. Nei vincoli sfascia-Italia dell’euro saremo sempre in balìa di indecorose televendite elettorali come quella di domenica su Canale 5, a dispetto di una realtà che è ben più nera di quello che la nota economista Barbara d’Urso fa credere nel suo programma per cittadini addormentati. Da Renzi altri 80 euro per comprare consenso, mentre l’Italia precipita.

IL NOSTRO COMMENTO: Bravo Beppe! Lo sai qual’è il nemico numero uno per Renzi? LA SUA BOCCA! Come il Cavaliere del resto! Fate girare questi articoli!



Categorie:Politica

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: