Consigli al premier di Carlo A. Martigli

Caro Renzi ti scrivo… 5 cose da ricordare in caso di summit europeo

di Redazione Cadoinpiedi.it24 Ottobre 2014

Fonte e Link: http://www.cadoinpiedi.it/2014/10/24/caro_renzi_ti_scrivo_5_cose_da_ricordare_in_caso_di_summit_europeo.html

Da toscano a toscano… i “consigli” al premier di Carlo A. Martigli, che ha lasciato il mondo della finanza per dedicarsi alla scrittura

Caro Matteo Renzi,

Mi permetti di darti qualche spunto di riflessione, da toscano a toscano? Ho studiato (e, per parte della mia vita, praticato) la finanza ‘pura’, e ne ho anche raccontate le origini, che risalgono alla Germania del Cinquecento… Ed ecco quindi alcuni argomenti di cui potresti tener conto in vista di incontri con la cancelliera tedesca Angela Merkel – dalla quale dipendono molti destini, compreso il nostro di cittadini italiani. 

  1. Servi e padroni: il cardine della finanza è che il denaro è al servizio del denaro e non dell’economia, che è sua schiava. Ideò questo giochetto il banchiere tedesco Jacob Fugger nel XVI secolo. Non è cambiato nulla da allora.
  2. Scommettiamo 600.000 miliardi? Il volume di denaro attualmente impegnato in pure scommesse finanziarie (nei fondi d’investimento per la maggior parte) è nove volte il PIL mondiale. Siamo seduti su una bomba atomica e il bottone rosso è in mano alla finanza speculativa (banche e affini).
  3. La ricchezza è come la materia: nulla si crea né si distrugge, tutto si trasforma. Quando in televisione annunciano spaventati: «la Borsa è crollata e abbiamo bruciato 100 miliardi», in realtà non è bruciato un bel niente. I cento miliardi sono solo passati da una tasca (la nostra) a un’altra (spesso quella dei furbi).
  4. Io presto a te e tu presti a me. Tramite la Banca Centrale Europea, l’Italia ha prestato 700 miliardi alle banche, all’1% di interesse. Queste stesse banche però l’hanno riprestato all’Italia al 4%. Caro Matteo Renzi, ti immagini le risate in quei consigli di amministrazione?
  5. Più la mandi su, più ti tira giù. Negli ultimi due anni il valore medio dei titoli quotati in Borsa è raddoppiato, in parallelo con la chiusura di fabbriche e negozi, la disoccupazione, l’aumento della povertà. Caro Matteo Renzi, c’è da riflettere, che ne dici?

 

Caro Matteo Renzi, io sono uno scrittore e tutte queste cose le racconto, in forma di romanzo, ai miei lettori. Come ho fatto con La congiura dei potenti, ambientato proprio nel momento in cui è nato il concetto stesso di finanza, il cinquecento di Lutero e del banchiere Jacob Fugger. E racconto perché leggere rende liberi.

Dalla storia si impara a leggere il presente, caro Matteo Renzi, e a evitare errori per il futuro.

                                                                                              Carlo A. Martigli

IL NOSTRO COMMENTO: Sono parole sagge quelle di Carlo A. Martigli che Noi condividiamo appieno. Solo che Renzi non farà niente di tutto questo perché non potrà far niente. Se farà qualcosa che contrasta con gli interessi delle banche e delle lobbies finanziarie Europee e con i loro dictat ( vedi Troika, BCE, Draghi che è suo amico, la Merkel ecc..) andrà dritto, dritto a casa. Senza ombra di dubbio. Provare per credere. Se Renzi vuole continuare a governare deve cambiare totalmente rotta. E cosa deve fare? Innanzitutto uscire immediatamente dall’Euro e dall’Europa. Tornare alla Lira. Dare la possibilità alla Banca d’Italia di poter stampare danaro per conto degli Italiani (trasformandola in banca pubblica) evitando in tal modo di rivolgersi alle banche private che speculano col cd “signoraggio bancario”. Se ha le palle per far questo continuerà a governare, altrimenti, tra non molto, farà la stessa fine dei suoi compagni di cordata che lo hanno preceduto ( Monti, Letta, Prodi ecc….) L’Italia con le riforme proposte da Renzi (Job Act, ecc.) non potrà mai riprendersi. Gli interessi sul debito di pubblico di oltre 2.000 miliardi gli Italiani non li pagheranno mai. Questo loro lo sanno ma non fanno niente! Il gioco al massacro credo che durerà ben poco. Il Popolo Italiano – anche a livello basso – sta prendendo coscienza della presa per il culo dell’Europa e dei Ns politici asserviti alla banche. Divertitevi per ora. Se ci riuscite! Quando il Popolo dice basta per Voi sono “Augelli senza zucchero!”



Categorie:Politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: